6. Evita le diete di moda

La quasi totalità delle "diete di moda" si basano su una drastica riduzione dei carboidrati e delle calorie e un forte aumento delle proteine, in modo da indurre uno stato di chetosi (cioè il sangue si riempie di sostanze di rifiuto delle proteine chiamate corpi chetonici) il quale porta a perdita temporanea dell'appetito e alla conseguente perdita di peso a breve termine.
Le diete di moda richiedono spesso l'acquisto di libri, alimenti, intrugli o integratori costosi. I vantaggi a breve termine si accompagnano spesso a problemi che durano nel tempo, oltre al fatto che non permettono di comprendere come alimentarsi in modo corretto. In genere queste diete peggiorano il rapporto che le persone hanno con il cibo e con se stesse, perché vengono inevitabilmente abbandonate e portano a frustrazione e senso di fallimento.

Perchè le diete di moda non funzionano? Il paradosso della dieta



Vediamo perché in questo tipo di diete la perdita di peso è quasi sempre seguita dalla ripresa dei chili persi. Il nostro corpo è programmato per resistere ai periodi di carestia, perciò reagisce ad una forte riduzione delle calorie introdotte con un rallentamento dei consumi, quindi con una riduzione del metabolismo e della massa muscolare, associata a irritabilità, stanchezza, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno e spesso portano a perdita di controllo verso il cibo e "voglia di cibo dolce".
In breve tempo la perdita di peso (che in questi casi interessa soprattutto acqua e muscoli, solo in minima parte il grasso) si arresta, con conseguente senso di fallimento e bassa autostima, e appena si ricomincia a mangiare occorrerà del tempo prima che il metabolismo torni al suo consumo ottimale, tempo durante il quale si accumula nuovamente peso, in gran parte dei casi più di quanto si era riusciti a perdere.

Vediamo ora perchè è impossibile perdere "10 kg in 30 giorni", partendo da un dato: 1 Kg di grasso corrisponde a 7.000 Kcal.
Quindi per perdere 10 Kg di GRASSO devo creare un deficit di 70.000 kcal. 
Perciò perdere 10 kg di grasso in 30 giorni significa "eliminare" più di 2.300 kcal al giorno, riducendo l'apporto calorico (2300 kcal sono pari a un piatto da 600 gr di pasta o a 3 pizze in meno al giorno) oppure aumentando il dispendio energetico (2300 kcal sono pari a 5 ore giornaliere di attività fisica intensa tipo nuoto o corsa ). Capite bene che ciò non è possibile! 
Conclusione: quei 10 kg NON sono solo chili di grasso, perdiamo acqua e massa magra! La perdita di massa magra porta a rallentamento del metabolismo, per questo motivo questo tipo di "diete" sono assolutamente da evitare!
 
Seguire una dieta sana ed equilibrata associata al giusto livello di movimento significa modificare l'alimentazione in modo stabile. Solo un cambiamento a lungo termine dello stile di vita può garantire il raggiungimento del peso corporeo sano e di uno stato di buona salute, migliorando il benessere e la qualità di vita.
Quello che conta è perdere peso progressivamente, raggiungere il proprio peso sano e mantenerlo nel tempo, piuttosto che buttar giù molti chili in fretta per ritrovarseli di nuovo addosso nel giro di poco tempo.


"Se ti curiamo oggi, ti aiutiamo oggi. Se ti educhiamo, ti aiutiamo per tutta la tua vita."
Organizzazione Mondiale della Sanità