Leggere le etichette: la Crema alla Nocciola

20 Dicembre, 2012 Piccola premessa: leggere le etichette dei prodotti che acquistiamo è fondamentale per conoscere ciò che mangiamo. E ciò che mangiamo rappresenta una determinante fondamentale della nostra salute.

Visto il periodo di festa ho deciso di parlare di un alimento tanto osannato quanto criticato: la Crema alla Nocciola. Sono stata al supermercato e ho fotografato ingredienti, tabella nutrizionale e costo di 3 prodotti:
1 - "Nutella" prodotta da Ferrero (leader di mercato);
2 - "CremaNovi" prodotta da Novi;
3 - "Nocciolata" prodotta da Rigoni di Asiago.
All'apparenza 3 prodotti simili, ma andando a leggere le etichette scopriamo  che ci sono molte differenze. Vediamole insieme analizzando uno alla volta ingredienti, tabella nutrizionale e prezzo.

INGREDIENTI: su tutti i prodotti alimentari gli ingredienti sono elencati in ordine decrescente (il primo è il più abbondante, l'ultimo il più scarso).
Vediamo che il primo ingrediente della Nutella è lo zucchero, seguito dall'olio vegetale e da un 13 % di nocciole. La restante parte è data da cacao (7,4%), latte scremato in polvere (6,6%), lecitina di soia e vanillina (aroma di vaniglia). Quindi deduciamo che Nutella è composta per circa il 70 % da zucchero e olio vegetale (del quale non è specificata la provenienza), nonostante ciò sull'immagine frontale della confezione troviamo la foto di alcune nocciole e di un bel bicchiere di latte fresco. Questo ci fa capire che le immagini riportante sulle confezioni molto spesso non corrispondono al reale contenuto del prodotto.
Passiamo al secondo prodotto, CremaNovi: il primo ingrediente sono le nocciole, nella percentuale del 45%, seguito da zucchero, cacao magro (9%), latte scremato in polvere (5%), burro di cacao, lecitina di soia e aromi. Quindi in un cucchiaino di CremaNovi troviamo essenzialmente nocciole, zucchero e cacao magro.
Infine Nocciolata contiene come primo ingrediente lo zucchero di canna, seguito da pasta di nocciole (16%), olio di girasole, latte scremato in polvere, cacao (6,5%), burro di cacao, lecitina di girasole ed estratto di vaniglia, tutti ingredienti provenienti da coltivazioni biologiche ad esclusione della lecitina di girasole. Nocciolata è quindi un alimento a base di zucchero, pasta di nocciole ed olio di girasole.

TABELLA NUTRIZIONALE: la tabella nutrizionale riporta le kilocalorie e i grammi dei vari nutrienti (proteine, carboidrati, grassi, ecc) contenuti in 100 gr di prodotto. La tabella nutrizionale non va mai valutata da sola, ma sempre affiancata alla lista degli ingredienti, in quanto la tabella da informazioni prevalentemente quantitative sul prodotto, non qualitative (riporta ad esempio le quantità di grassi ma non la loro provenienza che troviamo invece sulla lista degli ingredienti).
Nel nostro caso vediamo che le kilocalorie totali nei 3 prodotti sono equivalenti (circa 530 Kcal per 100 grammi di prodotto), questo ci dice solo che sono alimenti ipercalorici, quindi se consumati in quantità eccessiva possono portare ad aumento di peso, ma non ci dice se siano dannosi o meno per la salute. In questo tipo di alimento le proteine provengono dal latte e dalle nocciole, i carboidrati dallo zucchero e i grassi dall'olio o dal burro di cacao. Vediamo che i dati sono molto simili per Nutella e Nocciolata: 6-7 gr di proteine, 53-56 gr di zuccheri e 30-31 gr di grassi (provenienti da oli vegetali, che nella Nutella non sono specificati). CremaNovi presenta dei valori diversi: contiene infatti più proteine (11,7 gr), meno zuccheri (42,7 gr) e più grassi totali (35,6 gr). Questi dati sono giustificati dal ridotto contenuto in zucchero a favore dell'elevata percentuale di nocciole, le quali contengono molti grassi monoinsaturi e polinsaturi, benefici per la salute.

PREZZO: il prezzo di un prodotto dipende da diversi fattori: il costo degli ingredienti e del processo di lavorazione, il costo degli imballagi e dei trasporti e il costo di pubblicità e marketing.
Il prezzo riportato sul cartellino corrisponde alla confezione di vendita, che non è la stessa per le diverse aziende produttrici. In questo caso la confezione di Nutella contiene 400 gr di prodotto, quella di CremaNovi 200 gr e Nocciolata 350 gr. Per poter fare un confronto valido dobbiamo controllare il prezzo al chilo: Nutella costa € 7,23 al Kg, CremaNovi € 16,45 al Kg, Nocciolata € 10,83 al Kg. Per esigenze di sintesi possiamo affermare che questa forte differenza di prezzo è data dalla diversa qualità e dal diverso costo degli ingredienti di partenza, in questo caso l'ingrediente più costoso sono le nocciole (costano 10 volte più dell'olio vegetale): CremaNovi infatti è la più cara e contiene il 45 % di nocciole, seguita da Nocciolata con il 16 % e infine Nutella con il 13 %.

CONCLUSIONI: la crema alla nocciola è un dolce ipercalorico da concedersi saltuariamente in quantità limitate. Per questo alimento come per tutti gli altri cerchiamo di preferire cibi preparati con ingredienti di qualità che innanzitutto non siano dannosi per la salute (no all'olio vegetale del quale non è specificata la provenienza) e che preferibilmente contengano dei nutrienti benefici (come in questo caso gli acidi grassi monoinsaturi e polinsatuti delle nocciole).
Dal confronto i 3 prodotti analizzati risultano equivalenti per quanto riguarda il carico calorico. Dal punto di vista qualitativo CremaNovi risulta nettamente superiore, sia per il suo quantitativo in nocciole che è pari a 3 volte e mezza la quantità contenuta nella Nutella, sia per l'utilizzo del pregiato burro di cacao al posto dell'olio vegetale.
Nocciolata è un prodotto biologico, e molti associano "biologico" a "salutare", ma in questo caso risulta penalizzato dalla scarsa percentuale di nocciole (16% contro 45% di CremaNovi) e dall'elevato quantitativo di zucchero (51 grammi ogni 100 gr di prodotto).
Infine Nutella  si aggiudica l'ultima posizione per la scarsa quantità di nocciole, per l'eccessivo contenuto in olio e zucchero, per la mancata specifica del tipo di olio vegetale utilizzato e per la discordanza tra l'immagine riportata in etichetta e il reale contenuto del prodotto.

Tengo a sottolineare che questo è solo un esempio di un confronto tra alimenti simili, non rappresenta un invito ad acquistare una determinata marca di prodotto, ma ha l'obiettivo di tentare di spiegare come leggere le etichette dei prodotti per promuovere un acquisto cosciente. Sono in vendita con diversi marchi altri prodotti simili a quelli proposti, alcuni di qualità altri di scarsa qualità, le indicazioni sopra riportate servono proprio per distinguere gli uni dagli altri.