Semi oleosi

03 Aprile, 2015 I semi oleosi sono alimenti piccolissimi ma molto ricchi di sostanze benefiche che aiutano l'organismo a mantenersi in salute e a prevenire numerose patologie, in particolare quelle cardiache e tumorali!
Inoltre alcuni studi epidemiologici indicano un'associazione tra il consumo di semi e peso corporeo: sembra infatti che mangiare semi oleosi (nelle giuste dosi) permetta di ridurre l'appetito e, nell'ambito di uno stile di vita sano, favorisca la perdita dei chili in eccesso.

Poche persone li utilizzano, in quanto vengono spesso sottovalutati, mentre dovremmo imparare a conoscerli e a inserirli quotidianamnete nella nostra alimentazione.

Qualche precisazione:
- il Gomasio è un condimento composto da semi di sesamo tostati e sale marino integrale (da 7 a 20 cucchiai di semi di sesamo tostati uniti macinati assieme a 1 cucchiaio di sale marino), può essere utilizzato al posto del sale per ridurre l'apporto di sodio
- il Tahin è una salsa ottenuta tramite la macinazione e la cottura a vapore dei semi di sesamo, si presenta densa e spalmabile, può essere impiegata per condire verdure, cereali e legumi e nella preparazione di dolci in sostituzione al burro
- i semi di Lino vanno assunti dopo frantumazione (basta utilizzare un mortaio in legno), se vengono mangiati interi, a causa della buccia spessa, non riusciamo a estrarre le benfiche sostanze che contengono. I semi di Lino possono inoltre sostituire le uova nella preparazione di torte e biscotti, basta lasciarli in ammollo in acqua a temperatura ambiente per una notte.

Come utilizzare i semi oleosi?
Io li uso quotidianamente per condire le verdure crude, ma sono ottimi anche nei prodotti da forno (nella preparazione del pane integrale o di grissini integrali), nel muesli al mattino o per condire pesce (tonno e sesamo ad esempio), carne o zuppe!